Challah con noci e albicocche – Re-Cake #10

Anno nuovo, nuova re-cake! Per chi non lo conoscesse, re-cake è un progetto che unisce molte amanti della cucina, siano esse blogger o meno: ogni mese le admin propongono una ricetta che si può personalizzare (senza stravolgerla troppo!), ispirata alla tradizione italiana oppure importata da un paese straniero, e a fine mese viene premiata la versione più originale e meglio riuscita.
 
challah pane ebraico

 

La prima ricetta re-cake del 2016 è di origine ebraica: si tratta del challah, un pane che viene solitamente servito in occasione dello shabbat. Solitamente il challah è a forma di treccia, ma può essere modellato in vari modi, e lo si può preparare sia in versione dolce che salata.

Io ho deciso di perparare un challah dolce, glassato al miele, e di farcirlo con noci e albicocche secche per poterlo gustare al naturale, senza bisogno di abbinarlo a marmellate o altri accompagnamenti.callah alle noci e albicoccheIngredienti

per l’impasto del callah:

500 gr farina
25 gr zucchero
9 gr lievito secco
un pizzico di sale
un uovo grande
40 gr miele
40 ml olio di semi
60 ml acqua tiepida

per la farcitura:

75 gr noci
75 gr albicocche secche

per la glassa:

2 cucchiai di miele
1 cucchiaio di acqua bollente

In una ciotola (o nella conca della planetaria) mescolare farina, lievito, sale e zucchero.
Aggiungere l’uovo, l’olio e il miele, poi l’acqua, gradualmente, fino a ottenere un impasto morbido.
Impastare per 5/10′ (se usate la planetaria utilizzate il gancio).
Mettere l’impasto a riposare in una ciotola unta d’olio e far lievitare fino al raddoppio, coperto e in un posto riparato da correnti fredde (io in forno spento con la lucina accesa). Occorrerà circa un’ora e mezza.
Rivestire la base di una tortiera rotonda con carta forno e ungere i lati; sistemare un coppapasta o un pirottino resistente al calore al centro della tortiera stessa.

callah alle noci e albicocche

Una volta lievitata, stendere la pasta sul piano di lavoro e coppare dei dischi di diametro 12 cm.
Sovrapporre sei dischi di pasta e cospargere la parte rimasta scoperta con le noci e le albicocche tritate; arrotolare i dischi in un unico cilindro e poi dividerlo a metà nel senso della lunghezza con un coltello affilato.
Posizionare le rose così ottenute nella teglia preparata in precedenza, con il lato del taglio rivolto in basso e lasciando uno spazio vuoto di un paio di cm tra una rosa e l’altra.

Lasciar lievitare ancora per una quarantina di minuti.
Cuocere il challah per 25′ a 180°.
Una volta sfornato, cospargerlo con la glassa preparata stemperando due cucchiai di miele con un cucchiaio di acqua bollente.

callah alle noci e albicocche

 

Se come me usate una tortiera di diametro 24, vi avanzerà dell’impasto, con cui potrete sbizzarrirvi e magari creare dei piccoli callah di forme diverse. Io ho congelato la pasta avanzata, ancora non so che forma (e farcitura) le darò!
Avendo infornato nel primo pomeriggio, ho assaggiato la prima rosellina con il thè delle cinque, ancora tiepida; poi, per non rinunciare al piacere di un pane caldo e fragrante, ho separato le rose e le ho congelate singolarmente. Le mattine successive non ho dovuto far altro che passare un minuto i miei mini-challah al microonde per portare in tavola la colazione perfetta: caffè bollente, una rosa di pane caldo farcito e glassato, una spremuta d’arancia… cosa chiedere di meglio per affrontare il trauma del rientro al lavoro?

 

callah alle noci e albicocche

 

 
 
E per finire ecco la locandina re-cake di gennaio con la ricetta originale:
 

Comments

  1. Leave a Reply

    Arianna Frasca
    14 gennaio 2016

    Una bellissima versione questa challah che hai fatto! Mi va venire voglia di prepararla per la colazione del week end!

    • Leave a Reply

      colazionedatizi
      14 gennaio 2016

      Provaci Ari! Non te ne pentirai! E' davvero una coccola… e poi le roselline avanzate le congeli e le tiri fuori quando vuoi una colazione speciale 😉
      Un bacio, grazie della visita!

  2. Leave a Reply

    elenuccia
    14 gennaio 2016

    che belle, mi ispirano moltissimo, adoro questo tipo di dolci e amo la frutta secca. Quindi se ho capito bene per fare 6 rose devo fare 3 cilindri, ognuno con 6 cerchi. Giusto? ma quando tagli il cilindro poi devi chiudere il fondo in qualche modo perchè il ripieno non esca?

    • Leave a Reply

      colazionedatizi
      14 gennaio 2016

      esatto elena, io ho arrotolato sei dischi alla volta (anche se la ricetta originale diceva di arrotolarne quattro) e ho ottenuto sei rose. mi è avanzato dell'impasto che poi ho congelato. quando tagli il cilindro appoggi la parte del taglio nella teglia, non è necessario chiuderlo, a me non è uscito niente (era un ripieno fatto di pezzi solidi quindi non c'erano molti rischi). aspetto di vedere la tua versione 😉 un bacione!

  3. Leave a Reply

    Lisa Fregosi
    14 gennaio 2016

    Bravissima Tizi uno spettacolo!!!
    Sembrano delle rose veramente viste dall'alto e la farcitura mi piace tantissimo!

    • Leave a Reply

      colazionedatizi
      14 gennaio 2016

      grazie Lisa cara! aspetto di vedere la tua personalizzazione 😉 un bacio grande, buona giornata!

  4. Leave a Reply

    Valentina
    14 gennaio 2016

    Ciao Tizi 🙂 Tesoro che meraviglia che hai creato, posso immaginare la bontà! ^_^ Bravissima! Un bacio grande e tanti auguri di buon anno, che sia felice e ricco di desideri realizzati <3

  5. Leave a Reply

    consuelo tognetti
    15 gennaio 2016

    Ha un aspetto davvero splendido e goloso, complimenti Tizi 🙂 Non ho mai fatto nè mangiato questo tipo di pane e mi incuriosisce moltissimo 🙂
    Buon we e a presto <3

    • Leave a Reply

      colazionedatizi
      15 gennaio 2016

      è un pane tutto da provare, sia per la bontà sia per la comodità della lievitazione piuttosto breve 😉 un bacio cara, grazie della visita!

  6. Leave a Reply

    speedy70
    15 gennaio 2016

    Complimenti Tizi, che spettacolo il tuo pane, e con noci e albicocche diventa tanto goloso!!!!

  7. Leave a Reply

    Marghe
    18 gennaio 2016

    Ne ho viste diverse tesoro, e davanti a ognuno rimango letteralmente incantata.
    Un pane raffinato, elegante nella forma e nel sapore…. bravissima davvero, è un capolavoro <3
    Ti abbraccio

    • Leave a Reply

      colazionedatizi
      18 gennaio 2016

      è una ricetta molto scenografica, sì! un abbraccio forte a te cara, buon inizio settimana!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Torta di mais