Ricciarelli di Siena

ricciarelli

Oggi vi racconterò tutto quello che ho imparato sui ricciarelli: mettetevi comodi, è una lunga storia 😉
Intanto, non sono affatto facili da fare. O meglio,  con una ricetta testata e collaudata li può fare anche un bambino, in cinque minuti e sporcando solo una ciotola. Ma se uno non sa da dove iniziare questi piccoli, candidi e in apparenza innocenti biscottini possono dare del filo da torcere! A me son servite cinque o sei prove prima di arrivare ad un risultato soddisfacente, e alla fine la ricetta vincente non è stata una delle tante che avevo trovato in rete ma quella che mi ha dato un collega – uno che in cucina se la cava direi molto, molto bene!
Partiamo con il dire, per chi non lo sapesse, che gli ingredienti fondamentali del ricciarello sono mandorle in farina, mandorle amare – che al bisogno si possono sostituire con una fialetta di aroma alla mandorla – zucchero  –  semolato e a velo – e albumi d’uovo.
Molte ricette prevedono un tempo riposo piuttosto lungo : in alcune si mescola la farina di mandorle con uno sciroppo di acqua e zucchero e solo dopo diverse ore si inseriscono gli albumi, in altre si prepara il composto di albume, mandorle e zucchero e si lascia riposare una notte intera prima di procedere alla cottura. Sono partita con questo metodo, pensando che la pazienza mi avrebbe premiata, ma ho ottenuto un biscotto gommosetto all’interno, con una consistenza appiccicosa, quasi caramellata, e non morbida e soda come quella di un ricciarello degno di questo nome.
La via più breve in questo caso si è rivelata quella vincente: mescolare tutto, spianare, e infornare. Sembra semplice ma c’erano ancora dei dubbi da risolvere: albume montato o appena sbattuto? Zucchero a velo o semolato? Lievito sì o no? E quanto?
La prova con l’albume montato e con una maggiore quantità di lievito ha prodotto dei biscottini croccanti e vuoti all’interno, molto apprezzati da chi li ha assaggiati, ma che con i ricciarelli avevano ben poco a che spartire. Quindi vi consiglio di sbattere appena gli albumi, o ancora meglio di utilizzare quelli in brick pastorizzati che – non chiedetemi perchè – hanno una resa migliore riguardo alla consistenza del biscotto una volta sfornato e raffreddato.
Lo zucchero semolato si è rivelato migliore per l’interno dell’impasto, quello a velo indispensabile per la spianatoia e per la spolverare i biscotti prima di infornarli.
Il lievito, infine, va dosato con parsimonia: serve a far crescere i biscottini ma non deve spingere troppo, altrimenti, come dicevo sopra, rischiate di avere un impasto aereato e friabile anzichè consistente e morbido come quello dei veri ricciarelli.
La cottura è l’ultimo dettaglio, importantissimo, a cui fare attenzione: dovete sfornare i biscotti quando sono ancora bianchi e morbidi, non teneteli in forno più di 10′ e non superate mai i 170° di temperatura.
Ora non vi resta altro che prendere un coppapasta e modellarlo fino a renderlo ovale, della tipica forma del ricciarello, e siete pronti per sfornare i biscottini natalizi più candidi e profumati al mondo!

ricciarelli

Print Recipe
Ricciarelli di Siena
ricciarelli
Porzioni
20/25 pezzi
Ingredienti
Porzioni
20/25 pezzi
Ingredienti
ricciarelli
Istruzioni
  1. Mescolate la farina di mandorle con lo zucchero, l'aroma di mandorla e il lievito - se non avete la farina di mandorle potete frullare le mandorle con lo zucchero fino a ottenere una grana molto fine.
  2. Aggiungete l'albume d'uovo e amalgamate l'impasto fino a ottenere un panetto.
  3. Spianate il composto aiutandovi con lo zucchero a velo, fino a uno spessore di un paio di cm.
  4. Ritagliate i ricciarelli con il coppapasta, trasferiteli in una teglia coperta di carta forno e spolverateli con abbondante zucchero a velo.
  5. Fate cuocere a 170° per 8/10 minuti al massimo, preferibilmente in modalità forno ventilato; quando li sfornerete saranno ancora bianchi e morbidi, poi acquisteranno consistenza raffreddandosi.
  6. Aspettate almeno 12 ore prima di assaggiarli, poi conservateli in una scatola di latta ben chiusa.

ricciarelli

 

Comments

  1. Leave a Reply

    saltandoinpadella
    2 dicembre 2017

    Cavoli ci hai davvero dovuto lavorare parecchio 😉 non li ho mai fatti ma direi che sono piuttosto insidiosi. Hai anche provato se si riescono a fare con le mandorle tritate in casa o serve proprio la farina? io li adoro ma confesso che li ho sempre comprati

  2. Leave a Reply

    tizi
    2 dicembre 2017

    Li ho provati in entrambi i modi ele, e se triti finemente le mandorle con lo zucchero ottieni un buon risultato, come con la farina di mandorle pronta. Fatti in casa non vengono cicciottelli come quelli comprati ma piú profunati e saporiti 😉 un abbraccio e buon sabato!

  3. Leave a Reply

    ConUnPocoDiZucchero Elena
    4 dicembre 2017

    guarda io anche ci ho messo un po’ per trovare la ricetta giusta ma mi pareva di averla trovata! Siccome non li ho mai fotografati e pensavo proprio di rifarli quest’anno, mi sembra più che doverso provara la tua versione! anche perchè di te mi fido eccome dopo che ho provato i tuoi cantucci! io segno eh!!! bravissima!

    • Leave a Reply

      tizi
      4 dicembre 2017

      grazie mille per la fiducia cara! sicuramente anche i tuoi saranno stati ottimi, questi hanno il grande vantaggio di essere anche molto veloci… spero resterete soddisfatti! un abbraccio e buon lunedì 🙂

  4. Leave a Reply

    Serena
    4 dicembre 2017

    tesoro hai fatto un bellissimo post e anche dei bei biscotti doppiamente brava. Un abbraccio

    • Leave a Reply

      tizi
      4 dicembre 2017

      grazie mille serena 🙂 un abbraccio a te, buona serata!

  5. Leave a Reply

    piccolalayla - Profumo di Sicilia
    5 dicembre 2017

    Ma sai che non ho mai mangiato questi dolcetti nonostante li vendono in ogni angolo del pianeta, sono stata anche parecchie volte a Siena, occorre porvi rimedio! Bellissimi e sicuramente deliziosi… A presto LA

    • Leave a Reply

      tizi
      5 dicembre 2017

      grazie cara! se non li hai mai provati di sicuro saranno una piacevole scoperta 😉 a presto e buona giornata!

  6. Leave a Reply

    ipasticciditerry
    5 dicembre 2017

    Nemmeno io ho mai trovato la ricetta giusta per me … devi sapere che questi biscotti sono la passione di mia mamma. Perciò non mi resta che provare anche questa tua ricetta e vedere se sono quelli giusti per lei. In fondo devono passare il suo giudizio. A me piacciono ma fino a un certo punto. Ti saprò dire. Grazie delle dritte 😉

    • Leave a Reply

      tizi
      6 dicembre 2017

      Grazie a te per la fiducia! Spero tanto che tua mamma rimanga soddisfatta… un abbraccio terry!!

  7. Leave a Reply

    zia Consu
    6 dicembre 2017

    Ammiro lo studio che sta dietro alle tue ricette e, nonostante come ben sai non sia una grande amante dei biscotti super zuccherosi, per i ricciarelli (quelli buoni!) ho un vero debole! Mi segno gelosamente la ricetta e le tue preziose indicazioni nella speranza di replicarli molto presto!

  8. Leave a Reply

    Elisabetta
    2 gennaio 2018

    Io ho la ricetta del pasticcere dell’unico corso di pasticceria che ho fatto, ma non mi sono mai azzardata a farli. Mi pare che la sua ricetta prevedesse il riposo lungo al quale accennavi tu. I tuoi mi paiono perfetti, sono davvero un terno al lotto questi biscottini che però sono davvero buoni. Complimenti per la caparbietà e per il risultato.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Insalata di tuberi e yogurt greco